Scuola di Danza Classica

Erna Bonk

Scuola di Danza Classica

Erna Bonk

Scuola di Danza Classica

Erna Bonk

Benvenuti!

La Scuola di Danza Classica "Erna Bonk" nasce a Viareggio nel 1977.
Erna Bonk ha alle spalle una ricca vita professionale e viene affiancata nell'insegnamento dalla figlia Linda Biancalana.

La scuola propone corsi di danza classica da principianti ad adulti a partire dai 6 anni, un corso di pre-danza a partire dai 4 anni, corsi serali di stretching e danza classica per adulti anche principianti e stages periodici.

Nell'arco di 43 anni la scuola ha prodotto coreografie, saggi e spettacoli, partecipato a rassegne, seminari e concorsi in tutta Europa, organizzato stages e preparato allievi per superare audizioni in grandi accademie come La Scala, la Scuola dell' Opera di Roma, Monaco, Stoccarda, Colonia, Madrid e grandi compagnie come il Balletto Nazionale Olandese, il Basel Ballet, lo Zurich Ballet, l'Opera di Roma, l'Aterballetto, il Balletto del Sud, etc

La nostra storia
Erna e Linda

I Nostri Corsi

Novità

Karina ad Amici

23rd Gen 2020

La nostra ex allieva Karina Samoylenko ci ha fatto una sorpresa! In bocca al lupo!!!

Leggi tutto

Vittoria all’American Ballet

23rd Gen 2020

Vittoria è stata ammessa al'American Ballet Summer Intensive Program, un mese di lezioni a New York presso l'American Ballet School…

Leggi tutto

Premio Ondina

23rd Gen 2020

Ecco la consegna del premio Ondina d' Oro a Carla Fracci, cerimonia aperta dalle nostre allieve Vittoria, Lavinia, Benedetta ed…

Leggi tutto

Gli Spettacoli

Da Parigi all'Oriente
Giugno 2019

saggio 2019
credo artistico

Il Credo artistico

"E' una delle arti belle poichè tende ad un'ideale di plasticità e liricità. La bellezza a cui aspira la danza non dipende né dal gusto, né dalla moda, ma è fondata sulle immutabili leggi della Natura.
L'arte mimica contiene tutte le emozioni dell'animo. La danza è invece fondamentalmente espressione della gioia, desiderio di abbandonarsi ai ritmi della musica.
La missione dell'arte in generale, e del teatro in particolare, è di rendere profondo il pensiero, innalzare lo spirito, rinvigorire i sensi. Dunque si guardi bene la danza dall'assecondare un pubblico indifferente, ricorrendo ad effetti lontani dall'arte genuina.
La gioia rinvigorisce, l'esagerazione debilita.
Il bello ha sempre la freschezza della novità, lo straordinario invece presto degenera in noia. Con l'aiuto della musica la danza può salire alle vette della poesia.
Se invece eccede nello sfoggio atletico scade nel ridicolo.
Le cosiddette "imprese difficili" hanno numerosi adepti, l'apparente facilità è appannaggio di pochi.

Il più alto grado di abilità nell'arte sta nel celare, dietro una calma armoniosa, le fatiche e gli sforzi; il manierismo non è segno di originalità, l'affettazione è nemica manifesta della grazia.
Ciascun danzatore deve considerare quest'arte difficile come uno degli elementi costitutivi della bellezza, un ornamento utile alla rappresentazione e quindi un elemento significativo dello sviluppo spirituale delle nazioni."